giovedì 11 settembre 2008

11 settembre - prigionieri politici

“sono passati oramai 4 anni dall’11 settembre del 2001, ma è ancora vivo in tutti noi il ricordo di quel terribile giorno. Noi di pomeriggio di propaganda vogliamo ricordarlo con queste immagini e con la testimonianza di questa donna italiana che ha vissuto quel giorno in prima persona.”

[partono le strazianti immagini di gente che si tuffa nel vuoto. Delle esplosioni. Come audio le urla disperate esasperate delle ultime telefonate dei prigionieri politici, o meglio cadaveri politici ai familiari.]

Urla di dolore e di morte. Non riesco nemmeno a guardare. Non voglio sentire non riesco a stare zitta.

“io non capisco perché cazzo devono far vedere queste morti”

“per ricordare..”

“e cosa diavolo c’è da ricordare? Che 2863 persone sono morte per mano del loro governo? Che queste persone non contavano un cazzo? Per continuare a fare finta che sia bin laden il colpevole?
Quante cazzo di persone hanno ucciso grazie a questi 2863 cadaveri? Quanti ancora ne devono uccidere?! Quanti cazzo di soldi hanno fatto grazie a questi 2863 cittadini sacrificabili?!”

[mia madre mi guarda con le lacrime agli occhi, abbassa lo sguardo. Torna al suo cucito]

“forse hanno trovato denise….povera bambina”

_fanculo_